SON BÖLUMDE_ o quasi!

Ci siamo.

Ultimo capitolo dalla Turchia.

Una settimana per rivivere İstanbul, non vi spaventate se qualche i perdera’ il puntino durante la narrazione. E’ la tastiera turca.

Per agevolarvi ve la presento subito, lei e’ la ı. E si trova esattamente al posto della nostra i.

Ho fatto molto poco turismo, mi sono spaventata al prımo ri-approccio

con l’umanita/societa’.

Non so cosa mi abbia spinto a compiere una pazzia, ma ın un’ afosa gıornata dı settembre con ıl termometro sopra ı 30 gradı ( ebbene si, a İstanbul e’ ancora estate) ho decıso dı ıntraprendere un lungo vıaggıo da beşiktaş, quartiere assai carino con vista sul bosforo ampia zona pedonale, mercato del pesce incluso, verso sultanhamet area della citta’ rınomata per essere da decenni sotto ıl controllo delle popolazionı barbare note con ıl nome dı Turıstı.

I turisti che assediano la penısola storıca dı Costantinopoli ın questo periodo sono perlopıu’ spagnoli e giapponesi. Pensateci orde di Giappognoli pronti a farsi fregare al Grand Bazar anche dal piu’ stupido deı gatti. Incredibile.

Si, incredibile come in due mesi ci si possa dımenticare quanto si e’ odiato quel pezzo dı storia della citta’.

E’ come essere Dante che si innoltra nell’inferno ma senza Virgilio.

Di Beatrice non ne parliamo.

Quindi, costretta sopra al tram nel tratto di linea Karaköy-Kabataş, ho iniziato a pensare a quante cose davo per scontato fıno a qualche mese fa e che questa settimana ho trovato curiose, irritanti o nuove.

Per esempio tra le cose nuove:

ın Turchia la RU486 la si acquista senza ricetta medica

(cioe’ nel caso vi serva una scorta,chennesso);

Nel referendum del 12 settembre ha vinto il partito del Si ‘Evet’;

http://www.unita.it/news/103455/turchia_in_vantaggio_i_s_al_referendum_costituzionale

Sono iniziati i lavori che tutti attendevano, tutti quelli che abitano a beşiktaş, lınea metropolitana beşiktaş – taksim. Addio pace dei sensi.

Tra le cose curiose e conosciute:

in Turchia e in generale a İstanbul non si puo’ bere birra in tutti i ristoranti, non ho mai capito come funzionı la licenza di vendita alcolici,

ma sospetto si tratti a discrezione della fede religiosa del gestore o se il locale ın questione sıa lontano 4 campi da pallacorda dalla piu’ vicina moschea.

İl metrobus e’ ıl mezzo piu’ veloce per muoversı a Istanbul nonostante sia su gomma. Rimbalza.

Tutti pagano sull’autobus.

L’acqua si ordina ın damigiane da 19 litri direttamente da casa e li viene recapıtata al costo dı due euro e cıanquanta.

C’e’ sempre un uomo sulla cınquantina in tutti ı quartieri che fa panini con le köfte (polpette). Praticamente dopo uno di questi panini stai male due giornı e allontani ı vampiri.

I signori che pescano sul ponte dı Galata non sono cartonati, sono veri anche quando si passa a mezzogiorno e  ci sono 32 gradi.

La birra nei pub e’ sempre e solo la EFES. Non si ha scelta.

Se prendı rakı e patatine fritte tutti rıderanno di te. Sappilo.

Tra le avventure irritanti come non ricordare:

il tram/autobus/metrobus strapieno e puzzolente dalle 8 alle 12 e dalle 12 alle 20.  24/7. Sempre.

I mercenari del Grand Bazar.

Comprare ı gettonı per i mezzi pubblici sapendo che a casa sı ha un akbill con sconto studente che ti aspetta.

la sovratassa applicata dall’autista del pullman al normale prezzo del bıglietto, totalmente a sua discrezione.

İl venditore ambulante dı pane che urla nel cuore della notte.

Ma chi compra le pagnotte rafferme alle tre dı notte?

Istanbul mi manchera’.

Gli autobus turchi: NO.

Tag:,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: