BÖLUM 19_ Non sono piromani… festeggiano il Nevruz.

Con un po’ di ritardo

-circa dieci giorni-

(eh?

non vi aspetterete un blog serio che v’informa minuto per minuto vero?)

vi auguro:

Felice Primavera!

Eccola li, prima o poi, ahimè si sapeva,

si sarebbe bevuta il cervello la non italiana emigrante turca.

Sapevatelo!

Qua si festeggia la primavera,

ma non è da tutti.

Cioè non tutti la festeggiano.

Il Nevruz

( dal Persiano nev -nuovo- e ruz -giorno-

indica il giorno in cui il sole entra nella casa dell’Ariete,

c’incontra Pegasus e Andromeda e li sconfigge

arriva Phoenix gli fa il culo e si prende l’armatura d’oro.

Non lo sapevate?

E’ andata proprio così)

secondo la tradizione persiana è il giorno in cui dio ha creato il mondo, il sole e gli uomini,

quindi oltre a essere considerato il primo giorno di primavera

è anche una specie di capodanno

in alcuni  paesi (Iran e Afghanistan),

in Turchia è accettato come tale

solo in zone ad alta concentrazione curda

quindi Anatolia

anche se in realtà

è fortemente radicato nella cultura ottomana.

A Istanbul non ho sentito l’aria di grandi festeggiamenti

ma neanche quella brezza primaverile

che ti da un po’ di ottimismo

nonostante Mara Carfagna sia il consigliere regionale più votato d’Italia,

al massimo un leggero stordimento da allergie

schiaffi da smog

malditesta da lavori in corso perenni.

Ma non ci doveva essere un festival del Nevruz/Newroz?

Cercato non trovato.

Comunque nella mia università

il Nevruz si festeggia, ecco.

Questo a sostegno della mia tesi

che la mia università e molto più vicina all’Anatolia che a Istanbul.

Con un po’ di perplessità

qualche giorno fa

all’uscita dalle lezioni mi sono ritrovata a camminare per il piazzale

del dipartimento di architettura

completamente invaso da ragazzi

che si tenevamo per mano

cantavano strane litanie

ciondolanti davanti a bracieri fumanti.

Ovviamente

ho subito pensato alla festa per la primavera.

Non è da me farmi balenare in testa

idee come:

Evvai! al dipartimento di chimica stanno producendo LSD

o hanno liberato il pusher del quarto anno.

Insomma mica zompettavo da un nevruziano all’altro

per chiedere un qualsiasi tipo di stupefacente, anche le mentos in quel momento potevano andare bene.

Finchè qualcuno con un po’ di cuore

non è venuto a salvarmi il culo la dignità

spiegandomi che stavano festeggiando una specie di Bayram

(vi ricordate di Bayram?

si quello delle pecore

proprio l’amico di Abramo

-non partire non lasciare la tua terra ah!-)

Eh!

Proprio così,

se avete colto è proprio così,

se chiedete

vi sarà data sempre un’informazione sbagliata

la miglior tecnica è chiedere a un minimo di tre persone

e poi inventarsi una storia su quello che vi dicono.

Buon Nevruz!

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: