DÍA 167 – ritardi

Qualche appunto che potrebbe essere utile ai viaggiatori a bajo presupesto che devono raggiungere l’aeroporto di Madrid-Barajs ad orari improponibili la mattina (thank you low cost).

Perché purtroppo la metro funziona bene e collega efficientemente l’aeroporto di Madrid con praticamente qualunque punto della città, però chiude all’1:30 di notte e riapre alle 6 del mattino, rendendola inutile per riuscire ad arrivare in tempo -per dire- per prendere un volo alle 7 del mattino.

Dev’essere colpa della lobby dei tassisti che non c’è un bus notturno che collega l’aeroporto. Del resto commentavano giustamente, se devi prendere un aereo alle 6 del mattino ALLORA sei un turista e se sei un turista devi pagare. Anzi, hai da pagà.

Io ho scoperto quanto segue: esiste un autobus di linea (diurno), che parte alle 5:20 davanti all’Intercambiatore di Avenida de America. Numero 200. Arriva ai terminal T1-T2-T3 attorno alle 5:35, ed in contemporanea parte il 204 che invece arriva al T4. Occhio che se lo perdete, il successivo è alle 6…

Quindi, il problema si sposta ad arrivare ad Avenida de America per le 5:20. Una maniera possibile è prendere la linea notturna N4, che parte da Plaza Cibeles (come tutte le linee notturne) alle 5:10 e passa alla stessa fermata del 200/204, spero si aspettino dato che l’N4 deve fare 5-6 fermate e passa da Avenida de America per le 5:15.

Come arrivare a Cibeles (o direttamente ad Avenida de America)? Una soluzione pratica: a piedi. O in bici (però poi se la lasciate lì ve la ruberanno). Altenativamente, una decina di minuti in taxi, a quell’ora, nel centro, prenotandolo la sera prima, mi sono costati un pochino di più di 10€. Che è molto – paragonato al prezzo dell’autobus che è un biglietto semplice o 0 se avete un abbonamento – ma anche poco – paragonato al costo di un taxi fino all’aeroporto, che si aggira attorno ai 30€. (Chiaro che se viaggiate in gruppi la cosa costa meno.)

Se invece dovete arrivare a Barajas mooolto prima, l’N4 in realtà finisce la sua corsa proprio Barajas, però mica passa dall’aeroporto, eh no, troppa grazia madama la marchesa, sarebbe troppo facile. Vi lascia a Barajas città, piccolo sobborgo che penso debba essere vitale ed affascinante come Malpensa, specialmente alle 4 del mattino. Comunque, se scendente 3 fermate prima del capolinea, l’aeroporto dista un po’ meno di un kilometro, potete farvela a piedi, per la croncaca su google maps ho trovato un passaggio pedonale sopra l’autostrada che separa aeroporto dalla città.

Tutto ciò, sempre per amor di completezza, per arrivare alle 5:35 all’aeroporto, passare i controlli di sicurezza (no, stavolta non ho suonato, ma hanno reputato ugualmente necessario perquisismi le tasche. sia mai che potessero contenere dell’acqua.), ed arrivare all’imbarco verso le 6, giusto in tempo per scoprire che il tuo volo è stato ritardato alle 10.

E stavolta non viaggiavo con rayanair, sennò non riesco proprio ad immaginare che cosa avrebbe potuto succedere.

Li odio.

Tag:, , ,

2 responses to “DÍA 167 – ritardi”

  1. lafraaa says :

    Lascia perdere l’odio che fa venire le rughe… piuttosto iniziamo a smetterla di fare questi viaggi toccata e fuga con tanto di voli low cost da aereoporti sperduti ad orari improponibili. Io propongo calesse, veliero e almeno sei mesi di tempo per vivere con serenità ogni spostamento. Hai fretta?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: