DAY 51 – giorno del migliore amico

Tutti hanno un migliore amico (o una migliore amica). Spesso più di uno, a dirla tutta. Ci sono quei rapporti che si cementano con l’esperienza e la vita comune e quelli che invece sono travolgenti e sanno di colpo di fulmine. Ho degli amici per i quali mi farei sparare se necessario (e conto di ricevere lo stesso favore, nel caso. Capito? :| ) ed alcuni di questi mi accompagnano da Una Vita™. Oggi, in quanto compleanno del mio amico di infanzia Jacopo ho deciso di generare una festività. Qualcuno deve pur farlo di tanto in tanto, altrimenti andremmo ancora avanti con l’anniversario della scoperta del fuoco e le celebrazioni per il nuraghe più bello.

I nuraghes sono una roba antichissima, tipo più di tremila anni. Sono fatti con sassi enormi e se uno contestualizza si rende conto che per lepoca erano tecnologia cutting edge. Al contrario della Posta Elettronica Certificata che è una tecnologia inutile e non sarà mai una roba figa. W lantichità, W i sassi!

I nuraghes sono una roba antichissima, tipo più di tremila anni. Sono fatti con sassi enormi e se uno contestualizza si rende conto che per l'epoca erano tecnologia cutting edge. Al contrario della Posta Elettronica Certificata che è una tecnologia inutile e non sarà mai una roba figa. W l'antichità, W i sassi!

Oggi, 27 Settembre, inauguro la tradizione annuale del Giorno del Migliore Amico. Partecipa anche tu, è facile! Innanzitutto, prendi il telefono e manda almeno un messaggio. Questo principalmente se non senti il tuo migliore amico da un po’, magari per impegni assortiti. Messaggia o chiama ed invitalo ad andare a bere qualcosa o fare due chiacchiere. Una giornata in amicizia, insomma. Se è lontano mandagli una sciocchezzuola via internet, che so, un video registrato per l’occasione o un gadget stupido di quei giochini su facebook. Se questa è già una routine fai uno step oltre e spediscigli un gattino o dei criceti a domicilio. Racconti di migliore amicizia nei commenti al post, prego. Voglio roba strappalacrime, il pubblico lo esige.

L’importante è far capire che questa cosa della migliore amicizia è una figata. Non una roba sdolcinata, deve avere buon gusto. O essere così trash da risultare wow. Chiaro?

In particolare, per dare il buon esempio, dedico questo post di buon compleanno al mio amico Jacopo con il quale ho condiviso mille avventure, a partire da quelle grafiche. In particolare Monkey Island, Another World e Robocop 3 sull’amiga nei primi anni novanta. Another World è nello specifico il videogioco più meraviglioso della storia: niente counter o barre dell’energia o altro, trama semplice ma incredibilmente coinvolgente ed una grafica avanti di milioni di anni. Il realismo ci fa cagare, noi vogliamo l’arte. Oh.

I nostri genitori hanno fatto il militare insieme, sono migliori amici a loro volta e noi siamo nati a distanza di sei mesi. In più quei buffi signori dai quali discendiamo avevano, durante tutti gli anni ottanta, una collezione di hobby pericolosissimi tipo l’arrampicata in parete e la speleologia che implicavano il portarsi appresso i marmocchi per fargli almeno prendere confidenza con lo stile di vita. “Se non è emozionante non vale la pena d’esser vissuta”. Grazie pà. Lo so che mi leggi. E so anche che non ti piacciono le mie sparate politicose, però è il mio modo di vivere pericolosamente. Magari non rischio di finire sfracellato sugli scogli, però a suo modo è emozionante lo stesso. Almeno sinché non mi trovo i fascisti sotto casa. Non preoccuparti, quando ho finito con loro gli chiedo anche scusa, dopo. Sperando respirino :|

Va da se che, passando giornate intere insieme e fronteggiando Orrori Inenarrabili™ in parete o in grotta l’amicizia diventi salda rapidamente. Un po’ come quella volta che due miei amici hanno scoperto di uscire contemporaneamente con la stessa ragazza e quella teneva la relazione nascosta ad entrambi. Cose improbabili, ma non impossibili. Sei sicuro/a che il/la tua/o partner non faccia lo stesso con te?

Sono appena tornato a casa dopo una serata bipolare: prima metà a sentire i Breakdown con Blake e seconda metà a bere e chiacchierare nel lounge del Soho Grand Hotel con Clem, tutto in Canal Street a duecento metri di distanza. Non conoscete i Breakdown? Sono una band NYHC attiva dall’87, spaccano culi. Anche sopracciglia, a dirla tutta. Il tipo accanto a me ha avuto la faccia aperta ed è andato via in ambulanza perché uno dei cento stage divers ha deciso di buttarsi sulla folla portandosi appresso una SPIA. Sì, quegli ampli che stnanno tipicamente sul palco. Non un tizio in impermeabile e naso finto. Quelli non esistono. Solo Gasparri mette impermeabile e naso finto quando deve uscire, per non creare panico. Gliel’hanno insegnato al cottolengo.

(Quest’ultima era pessima anche per i miei standard. Chiedo venia.)

Il concerto è stato una bbbomba e dopo un primo rapido tentativo ho deciso di non infilarmi nel pogo mortale. Gli americani ghiozzi sono veramente enormi: c’era una marmaglia di due metri per centoqualcosa chili che pogava pesissimo lanciandosi sulla gente e più di una persona si è fatta tanto tanto male. Adoro le serate hardcore :D

Babbo, non ti preoccupare, non mi faccio male. È tremendo dover stare attento a quel che si scrive per non fare preoccupare i propri genitori. Io dovevo farlo anche alle elementari perché la maestra di italiano rimaneva spesso sconvolta dai miei temini. Leggevo tanta fantascienza e tanto horror da piccolo, e non ho mai avuto un vangelo: ho imparato a pensare a cose fantastiche senza doverle accettare come reali per forza. “Ehi, questa stronzata non si regge in piedi” “Vero, ma c’è un enorme di giro di soldi che si regge su queste stronzate” “Ancora non mi spiego come la gente possa credere a Star Trek” :)

Il resto della serata l’ho passato a chiacchierare con la mia amica stilista Clem e con il suo amico stilista etero. Non è comune trovare un uomo che lavori nel fashion design e non sia un amante di altri uomini. Tutti gli uomini etero vorrebbero finire a lavorare con le modelle e vestirle e svestirle a piacere, ma nessuno sa dove entrare nel settore. Solo i gay lo sanno e non lo dicono. Se riuscite ad infilarvi in questo giro fatemi sapere, non si sa mai che decida di mollare la fisica per una roba che fa quasi rima.

(oggi sono sullo squallido andante, lo faccio per accontentare la fascia più ghiozza del mio pubblico. Ahr Ahr Ahr).

L’amico di Clem mi ha dato un sacco di buoni consigli sulla vita a NYC, lui c’è stato per 12 anni ed ha avuto modo di approfondire tanti aspetti che a me non sarebbe mai capitato di toccare. Avevo proprio voglia di infilare almeno una citazione ma il sonnellino in metro tornando a casa ha cancellato tutta la memoria a breve termine. A proposito, vi ho già detto che ho visto i Breakdown?

Mi fermo qui perché mi si accusa di fare post troppo lunghi e passerò ad un nuovo format di blogging: più post, più brevi. A dopo.

Il cantante è più o meno uguale ora. A parte che è calvo.

Auguri anche a Clara, anche se da un po’ non mi considera più. TVB, quando torno a Pisa ti vengo a rompere le palle : )

Tag:, , , , , , , ,

About Nevermore

vedi New York e poi muori

7 responses to “DAY 51 – giorno del migliore amico”

  1. Gareth says :

    Credo che per entrare nel mondo della moda bisogna passare dalla porta nel retro :D UAZ UAz UAZ (dovevi indire la festa del grezzo oggi, e non intendo il petrolio)

  2. Clara says :

    Grazie per gli auguriiii!!… ti voglio bene anche io, ti leggo sempre.. :D .. sono solo un po’ persa nei meandri della mia, ormai contorta, psiche.
    Ti aspetto!
    Un bacio grandissimo!

  3. jacopo says :

    Spesso anche io vengo taciuto di prolissità (anche a torto) e perciò mi limito a 5-6 righe.
    L’imprinting funziona! prendi 2 bimbi e tienili vicini per tanto tempo, fagli vedere gli stessi cartoni, portali nelle stesse grotte (nulla di illegale, è spiegato su nel post.. comunque noi preferivamo giocare con Voltron all’epoca), dagli gli stessi oggetti d’intrattenimento (amiga mon’amour). Poi dividili nel primo periodo della pubertà e falli incontrare dopo tanti, tanti anni. Cosa è successo in quel lasso di tempo? Risultato: hanno continuato a fare incosapevolmente le stesse cose (o quasi) senza mai venire in contatto! viaggiavano per binari separati!
    La prima cosa che pensi è: Cazzo potevamo sentirci prima e condividere tante di quelle cose insieme.
    La seconda cosa invece è: Cazzo, è più figo così, tanti anni via e nn siamo mai diventati estranei!

    Grazie Mille Luì!!!

    Ps.
    FANCULO alle presunte accuse di lunghezza di Post!!!! scrivi come hai sempre fatto che 10 cm di post in più non anno mai fatto perdere diottrie a nessuno!!
    fidati!

  4. jacopo says :

    * binari sperati un corno…volevo dire paralleli :-)

  5. oracolo says :

    C’è questo orioto,no, su deviantART, che fa illustrazioni fighe ispirate a giochi d’epoca.
    Visto che anche io ero molto Amighista (pure troppo… 500, 500 plus con hard disk GVP da 50 MEGA, ed infine il canto del cigno: 1200…) vi propongo Another World. A me è piaciuto.
    Ed ora Another World mi gira sul cellulare… che mondo meraviglioso.

  6. Nevermore says :

    oddio, questo tipo è un genio. inoltre seguendo i link si arriva alla pagina dell’autore di Another World che è molto interessante : )

  7. oracolo says :

    Come si fa a non comprare l’edizione rifatta a sette dollari? :-/
    Contando anche che, in fondo, l’originale non l’ho mai comprato… ^_^;

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: