DAY 36/part 2 – FENG SHUI! Salute.

Oggi faccio l’arredatore di interni di laboratorio. Questo è il genere di posto che farebbe impazzire un arredatore Feng Shui: ci sono tavoli di legno, travi d’acciaio, cavi, tecnologie arcane, specchi, prismi e laser ovunque. Qualcuno lo chiama laboratorio, altri “that weird place in the basement“, mentre durante gli anni quaranta non lo chiamavano, pena la galera. A me piace chiamarlo casa :)

Domattina arriva la visita del nostro fund donor principale, un ricco signore proprietario di una ricca grossa compagnia che vuole vedere come vengono spesi i suoi soldi, quindi everything has to be beautiful. Qui entro in gioco io, il gggiovane italiano con senso estetico. Attualmente sto mettendo in giro quel genere di finto disordine che un visitatore si aspetta in un laboratorio. Tipo occhiali protettivi in giro, prismi, appunti aperti su pagine con disegni carini, piani per un nuofo-strumento-ti-konkvista-ti-monto™ etc. Non si sa mai cosa cerchi quest’uomo dal nostro gruppo. Spero non giovani italiani con senso estetico, comunque.

Ieri sera sono stato ad un fashion show con Elena: una sua amica esponeva la sua collezione ed era tutto molto buffo perché la cosa era organizzata in un locale chic a downtown molto buio dove i vestiti erano visibili in un filmato proiettato su una parete. Il filmato era una ripresa lunghissima delle modelle in bicicletta viste da davanti. Non ho ben capito il senso, ma dev’essere perché ero affamato. Cena ad un malese al confine di Little Italy, dove abbiamo scoperto che oggi inizia il festival di san Gennaro, una figata. Praticamente per una settimana Little Italy diventa Napoli e tutti sono uee uee, iamm’ebbello ‘uagliò pizza pizza mandolì. O almeno è come la vedono gli americani. In pratica ci sono bancarelle e bandiere italiane ovunque e puoi comprare una pizza o delle zeppoles ad ogni angolo, ad un banchetto di turchi o cinesi. Che ci vuoi fare? È la globalizzazione. Chissà quanti votano Lega, tra gli italiani residenti a Little Italy. Non ho sentito nessuno parlare di una Little Padany, anyway. Dev’essere perché è una stronzata. La Padania, intendo.

Oggi ho ricevuto un commento carinissimo su youtube relativamente al mio ultimo video. L’ho rimosso da la insieme alla possibilità di commentare perché già sto diventando scemo a seguire il blog, comunque lo riposto qui per dovere di cronaca

Contento è un ottimo aggettivo, davvero.

Per il prossimo video vorrei consigliarti un altro aggettivo, che ti calza lo stesso a pennello: gaggio.

Cazzo ce ne fotterà a noi del tuo capo… mah…

poddeddu

Per i non sassaresi “gaggio” è un dispregiativo generico, tipicamente utilizzato in riferimento ad una persona carente di forza di spirito e coglioni. Su un dizionario di slang online ho trovato questa definizione:

Gaggio:

Sempliciotto facilmente raggirabile, coglione innocente, non allaltezza della situazione.

Penso non corrisponda esattamente all’accezione utilizzata a Sassari, ma comunque rende l’idea. Ora avete imparato una parola nuova, potete iniziare ad esercitarvi utilizzandola. Ad esempio, descrive benissimo un ventottenne che investe il suo tempo a commentare su youtube video che non gli interessano. Ci sono tante cose migliori da fare, tipo farsi una vita. O farsi prendere a giocare a fare lo scienziato in una delle migliori università del mondo. O scrivere un blog per i propri amici in cui si fa il coglione per regalare un sorriso a chi ti vuole bene. Quella roba li, insomma. Ringrazio comunque il signor poddeddu, chiunque esso sia, per avermi dato la possibilità di fare questo piccolo approfondimento sulla lingua sassarese.

Tra poco lascio il laboratorio e raggiungo Elena per un rooftop party, o comunque un’altra di quelle cose che fanno in settimana in questa città di gaggi : )

fuckup

Il mio collega ungherese Imre mi ha fatto notare che i newyorkesi sono molto più magri del resto degli americani perché qui ci si muove a piedi, un sacco. Ora, non ho le prove sperimentali, però mi sembra un’ottima ipotesi e vedremo se diventerò grasso quando andrò a stare in California per un po’.

Sono veramente contento di non aver rinunciato a studiare fisica alle prime difficoltà. Perché la fisica è una brutta bestia: prima ti attrae e ti seduce e poi inizia ad infilarti in testa roba che non vorresti sapere, che ti tiene sveglio la notte e che ti da un sacco di preoccupazioni sul destino dell’universo. Tipo da dove veniamo, dove andiamo, qual’è il nostro compito e chi condurrà la ruota della fortuna adesso?

Le grandi religioni hanno fornito una pletora di risposte, per ogni gusto, per millenni. Quella che preferisco, pur rimanendo io un agnostico per motivi professionali, è il pastafarianesimo. Ok, leggete il nome e pensate ad una stronzata, ed in effetti lo è. Una stronzata molto intelligente, a dirla tutta. Non come le mie sul blog che sono stronzate e basta :)

Il pastafarianesimo nasce come risposta alla proposta in una scuola del Kansas di introdurre l’insegnamento del creazionismo come valida alternativa all’evoluzionismo nelle scuole. I pastafariani hanno richiesto che anche il loro mito della creazione “supportato da solide basi sperimentali” venisse introdotto nei programmi con pari dignità, ottenendo de facto il blocco del creazionismo. Cito da Wikipedia perché sono pigro

Molti dei “dogmi” proposti da Henderson sono stati volutamente scelti per parodiare le critiche fatte dai proponenti del Creazionismo.

  • L’Universo è stato creato da un invisibile e non rilevabile Mostro Spaghetti Volante, quando questi era in preda ad una marcata intossicazione alcolica (si suppone che sia questo il motivo di un Creato imperfetto).
  • Tutte le prove a sostegno della tesi evoluzionistica sono state intenzionalmente impiantate da questo essere per mettere alla prova la fede dei Pastafariani.
  • Quando sono effettuati test scientifici di datazione radiometrica (ad esempio il metodo del carbonio-14) il Mostro Spaghetti Volante interviene modificando sistematicamente i risultati mediante la Sua Spaghettosa Appendice.
  • Il riscaldamento globale, i terremoti e gli uragani e gli altri disastri naturali sono conseguenza diretta della diminuzione del numero dei pirati fin dal XIX secolo. È stato fornito un grafico che prova la proporzionalità inversa tra il numero dei pirati e la temperatura globale, i cui dati sono stati probabilmente inventati di sana pianta (indica solo 17 pirati nel mondo moderno, una stima bassissima), e che non è nemmeno tracciato correttamente (i numeri sull’asse orizzontale prima salgono e poi scendono). Questo “dogma” serve a dimostrare il noto principio che una correlazione non implica necessariamente un rapporto di causalità, ed è anche mirato a prendere in giro chi manipola i dati e la loro rappresentazione per ottenere dei grafici confacenti alle proprie teorie. Henderson sviluppò probabilmente questo dogma in risposta alle tesi, sostenute da alcuni gruppi religiosi, secondo le quali il gran numero di disastri,guerrecarestie presenti attualmente nel mondo siano dovute ad una carenza di rispetto e venerazione nei confronti delle divinità. Nel 2008, Henderson interpretò l’incremento delle attività piratesche nel Corno d’Africa come un’addizionale prova empirica di tale dogma, visto che la Somalia attualmente possiede il più grande numero di pirati ed è al contempo la nazione che emette la minore quantità di anidride carbonica.
  • Bobby Henderson è il “profeta” di questa religione.
il grafico mostra una correlazione lineare impressionante. diventate pirati oggi per salvare la terra dei vostri figli. ahrrrrr

il grafico mostra una correlazione lineare impressionante. diventate pirati oggi per salvare la terra dei vostri figli. ahrrrrr

E questo è il motivo per cui mi piacciono i Pirati. Ricordate che il 19 settembre è il Talk Like A Pirate Day, ahrrrr

Tra parentesi, molti scienziati che lavorano coi laser tendono a somigliare a pirati dopo un po’ di anni. Un po’ per lo stile trasandato di chi vive buona parte dei suoi giorni in un posto lontano dalla gente civile, ed un po’ perché la distrazione è una brutta bestia quando si lavora con fasci di luce coerente sufficienti a costringerti a portare una benda sull’occhio per il resto della vita. Suppongo che dal punto di vista pastafariano sia una sorta di sacrificio per la causa.

Ora esco che ho finito di addobbare il laboratorio. Domani facciamo ammuina e se tutto va bene ci saranno i fondi per la mia borsa dall’anno prossimo.

Gesù ha avuto un’idea incredibile per un nuovo sito, vi aggiorniamo domani.

Saluti e baci, brutti gaggi : *

PS – SPECIALE GOOGLE QUERY!

Sono molto contento che vi stiate divertendo a giocare con il motore di ricerca ed alle volte rimango veramente colpito da come si possa arrivare a questo blog passando per sentieri inesplorati della malattia mentale. Ecco qualche esempio, degli ultimi due giorni

Query Click
emigration for dummies 3
luigi renna come papi 2
telefilm dinosauri vecchissimo 2
uomo che urla 1
mogwai 1
renna di natale a new york emigration fo 1
uovo di colombo 1
emigrationfordummies.wordpress .com 1
costumi di carnevale 1
rimbalza il clandestino 1
winnie the pooh con nuvola 1
luigi renna n.y. 1

Ieri

Cerca Visualizza
emigration for dummies 4
luigi renna n.y. 2
winny the pooh sulla nuvola 1
emigranti italiani ellis island 1
emigrationfordummies 1
tatuaggio sul culo 1
giornata di un nobile del seicento 1
indirizzo portoghese

Inutile dirlo, il mio preferito è “giornata di un nobile del seicento” che non è correlato in alcun modo col blog. Nessuno si è fatto avanti per reclamare il premio, comunque sappia in cuor suo che è il vincitore della terza edizione del Concorso Segreto.

Continuate a partecipare. Presto ci sarà una nuovità [sic.], comunque. Ricchi premi in arrivo. Tipo scatolette di tonno messicano e lacci per scarpe. Con quello che mi pagano non mi rimangono soldi per altro.

Tag:, , , , , , , , , ,

About Nevermore

vedi New York e poi muori

One response to “DAY 36/part 2 – FENG SHUI! Salute.”

  1. Sapiens says :

    Caro Luigi, ti chiederei gentilmente una breve rassegna delle alternative: tipo
    *adorare l’invisibile unicorno rosa (mai ferrato sia il suo santo zoccolo),
    *basare le proprie convinzioni su teiere in orbita solare tra terra e marte,
    *(adorare dei antropomorfi ma non troppo che, chiacchierando con i loro profeti in terra, impongano di vietare alle genti l’omosessualità e le vesti composte da più tessuti diversi, …)
    … sai, per non dare l’impressione che tu sia parziale, e anche per aiutarmi a scegliere!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: