DAY 22 – to boldly go where no man has gone before

Spazio, ultima frontiera. Questi sono i viaggi della nave stellare Nevermore. La sua missione è quella di esplorare strani nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita e di nuove civiltà, per arrivare dove nessuno è mai giunto prima.

Diario del Capitano, Data astrale 2122.0.

Sono a NY da tre settimane e tutte le preoccupazioni riguardo al morire orribilmente in un vicolo, morire orribilmente nella metro, morire orribilmente nel parco, venire rapinato e morire orribilmente, trovare la fede sentendo le campane della cattedrale in un pomeriggio piovoso mentre ripenso alla mia vita sregolata, diventare grasso, etc, si sono rivelate infondate. Sono vivo, non sono grasso e fortunatamente ancora non mi vergogno di discendere da una scimmia.

Questo è il 150° anniversario della pubblicazione de L’Origine delle Specie, un libro che ho imparato a conoscere fin troppo presto Come?. Accompagnatemi nei fantastici anni novanta e lo scoprirete. In quel periodo alla radio passava Jovanotti ed in TV c’erano Twin Peaks e Beverly Hills 90210. Ve li ricordate gli anni novanta? Mi dispiace, davvero, so come vi sentite.

L’ultimo giorno di lezione prima delle vacanze di natale della mia quinta elementare non vado a scuola, telefono al mio amico Emanuele per avere i compiti e, per un piccolo errore di comunicazione, l’informazione “svolgere una breve ricerca sugli animali di montagna” viene trasformata in “svolgere una ricerca sugli animali”. Tutto normale se mia mamma non fosse una perfezionista e, dato che ci teneva a fare le cose per bene, mi ha commissionato la produzione di un’opera titanica di trenta pagine con foto e tutto quanto e così ho fatto amicizia con Linneo e Darwin ed ho iniziato a desiderare l’invenzione di programmi d’impaginazione. A 10 anni conoscevo la classificazione di Linneo ed ero così persuaso della bontà della teoria di Darwin (grazie all’abbondanza di prove sperimentali) da buttarmi a testa bassa in discussioni con la mia maestra d’italiano che, mediante l’ausilio di interessanti schemini, cercava di dimostrare ai miei compagni come Scienza e religione possono andare d’accordo. Dev’essere per questo che ho sempre avuto una passione per i dinosauri: i dinosauri, morti e fossilizzati, ci difendono dai bifolchi con crocifissi, forconi e torce. Questi giganteschi mostri, in vita orribili creature, da morti e fossilizzati sono il baluardo della ragione contro la superstizione. Non vedo l’ora di poter arruolare tra le nostre fila anche il fossile di Giuliano Ferrara.

È proprio ai dinosauri ed all’Evoluzionismo che volevo arrivare, oltre che ai loro acerrimi avversari, gli imbecilli. Tranquilli, non scriverò un post raccontando che c’è qualcuno che vuole reintrodurre l’insegnamento del Creazionismo nelle scuole come valida alternativa scientifica all’Evoluzionismo (Curiosità: il correttore automatico mi segna Creazionismo come errore. È un piacere vedere che le macchine stanno dalla nostra parte). Se qualcuno se lo fosse dimenticato, ci tengo a precisare, anche la Moratti ha provato a fare lo stesso durante il suo mandato da ministro dell’Istruzione. Ve li ricordate gli anni duemila? Mi dispiace, so come vi sentite.

Qui a New York ci sono un sacco di dinosauri, morti e fossilizzati. Stanno al museo di storia naturale davanti al quale passo quasi tutti i giorni andando verso downtown per qualunque commissione -eppure- non sono ancora andato a vederli. È strano: per una vita ho sognato di venire qui a vedere i miei mostri preistorici preferiti ed ora che li ho a portata di mano non lo faccio. Non so, forse è paura di vedere le aspettative deluse (anche se ho già visto scheletri giganti al British e qualche altro museo in gioventù e sono rimasto tutt’altro che deluso) oppure che non riesco proprio a mettermi in testa che qui posso fare anche il turista, mi manca il mood giusto. Penso che per fare il turista a NYC dovrò tornarci in un altro momento, magari con qualcuno. Magari non Giuliano Ferrara: capace che si mangi qualche osso.

Quest’anno il telescopio di Galileo fa 400 anni (oggi Google gli dedica il logo), la bandiera sulla Luna ne fa 40 e da più di dieci non vedo la mia maestra d’italiano. Negli anni sono stato sempre in conflitto per qualche motivo con vari insegnanti, principalmente per questioni ideologiche (io avevo delle idee e loro avevano fede) o per motivi politici (io vivevo in uno stato laico, loro in Italia) e crescendo mi sono abituato all’idea che avrei dovuto continuare a scontrarmi con l’ottusità per tutta la vita ( mi sono anche arruolato nelle Brigate Rompicoglioni Razionaliste dove sino all’anno scorso ricoprivo il ruolo di Sergente per la provincia di Pisa ) e poi sono arrivato in America ed ho scoperto che qui ci sono davvero persone checredono che l’universo sia stato creato giovedì 23 ottobre 4004 ac alle nove del mattino e mi sono reso conto che non avevo capito l’entità del problema. Io non ho niente contro i creazionisti, chiedo loro solo un po’ di coerenza: che smettano di utilizzare farmaci moderni e si curino solo con la penicillina. Dopotutto se l’evoluzione non è che una truffa non avranno problemi ad uccidere i batteri odierni con la muffa creata dal buon dio. Dopotutto il secolo scorso funzionava.

Questa gente ci sarà sempre, perché è facile accontentarsi di una risposta facile (“tutto è così perché l’ha deciso qualcuno“), perché è facile non dover prendere decisioni spesso scomode (“non fare questo, questo e questo altrimenti verrai torturato per l’eternità perché lui ti ama“) e perché è facile non mettersi contro la tribù più grossa (“ah, sicché ti piacciono le ragazze, signorina… lo sai che finirai all’inferno per questo? intanto ti bruciamo, così ti abitui al caldo“). Farsi delle domande e sudare per trovare delle risposte sulla vita, l’universo e tutto quanto é un lavoro ingrato e non pretendo che tutti lo facciano, ma che almeno incentivino lo spirito critico e la voglia di fare scienza delle nuove generazioni. Anche non tagliare i fondi per la ricerca farebbe comodo. Temo di aver capito da che parte stiano i nostri politici. Dalla parte degli stregoni col cappello a punta ed il bastone. Sì perché fa comodo al sovrano (quale che sia la forma) essere alleato con lo sciamano (idem) per controllare il popolo.

Sono abbastanza sicuro che se anche la Scienza porterà mai gli esseri umani a vivere su altri pianeti, quelli (Stronzi) si inventeranno che la vita sarà stata creata su quel pianeta da un’intelligenza superiore e quei poveracci di illuministi del futuro dovranno assicurarsi di non aver dimenticato i fossili di dinosauro sulla terra o sarà un casino spiegare le cose alla gente. Sperando non facciano troppe domande su quel coso buffo ciccione fossilizzato.

Alla fine il desiderio è quello di emigrare ancora più lontano, infilarmi in qualche progetto spaziale (Sì, si può fare davvero se si conosce abbastanza matematica. Capito ragazzi? Studiate) e segnarmi per una missione senza ritorno ad alto rischio di morire orribilmente per decompressione esplosiva, o morire orribilmente per problemi di surriscaldamento, o morire orribilmente nell’impatto col pianeta. L’America è bella e lontana, ma non è abbastanza lontana da certi orrori che mi capita di leggere la mattina sui giornali. Alle volte, se non sapessi che forse c’è ancora qualcuno ad aspettarmi qui, mi viene voglia di andare là dove nessun uomo è mai arrivato prima [cit.] e vedere se c’è davvero quel triangolo con la passione per Populous e chiedergli conto di tante brutture. Per non sbagliare, comunque, prima vado a vedere un po’ di dinosauri.

militante delle Brigate Rompicoglioni Razionaliste in pattuglia alla ricerca di un bambino grasso con le manine appiccicose di nutella che non obietta contro le stronzate della maestra.

militante delle Brigate Rompicoglioni Razionaliste in pattuglia alla ricerca di un bambino grasso con le manine appiccicose di nutella che non obietta contro le stronzate della maestra.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

About Nevermore

vedi New York e poi muori

2 responses to “DAY 22 – to boldly go where no man has gone before”

  1. Francesco says :

    Premessa: Stanotte ho sognato che stavamo al cinema e guardavamo un film dove dei ninja cristiani combattevano contro i dinosauri e commentavamo che le katane a forma di croce erano poco plausibili.

    Se vuoi sapere come si finisce a fare il fisico sul un viaggio spaziale verso venere guardati Defying Gravity.

  2. Nat says :

    Il correttore automatico ti segna anche la Moratti come errore?

    Dopo aver sentito una conoscente, anni fa, affermare convintamente che il mondo è stato creato in 6 giorni (+ 1 di riposo, bonus) e che solo ciò che è scritto nella Bibbia è verità non mi stupisco quasi più di nulla riguardo le convinzioni religiose delle persone.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: